Upgrade Samba su Snow Leopard

Me & My Mac
by Martin Gommel

Dopo una lunga e sofferta serie di tentativi sono finalmente riuscito nell’intento e quindi è meglio che lo condivido, così nel caso mi dovesse ri-servire almeno so dove trovarlo! Il problema è il seguente: a casa ho un WD TV Live media center che ha sempre lavorato egregiamente. Da qualche tempo però lamentavo dei problemi sulla lettura delle cartelle condivise dal mio iMac. Anzi, non vedevo praticamente più l’iMac! Cerca e porcheggia in giro finchè non trovo la causa: ho fatto un paio di aggiornamenti del firmware e a quanto pare gli ultimi firmware utilizzano delle funzionalità di samba non più compatibili con la versione montata da Apple. Che strano, mi dico, e così controllo: Apple monta la versione di samba 3.0.28 ovvero piuttosto vecchiotta. Che a quanto pare, oltre a non andare con il mio media center, non va neppure con Windows 7. Il motivo lo leggo sul forum di supporto di Apple: dalla versione 3.2.x samba è passato alla licenza GPLv3 che è molto più restrittiva della GPLv2. E quindi Apple si è fermata con gli aggiornamenti. Leggi il resto dell’articolo

Annunci

Instagram

Instagram

 

Da qualche tempo (circa un paio di settimane) ho trovato questo interessante social network, chiamato instagram. Si tratta di una sorta di twitter per immagini, disponibile unicamente per dispositivi mobile (per ora iPhone, ma ho letto di un’uscita per Android prevista per l’estate). In pratica inquadri, scatti, applichi (se vuoi) uno dei filtri disponibili (circa una dozzina), aggiungi un’eventuale didascalia e poi carichi la foto condividendola con i principali social network. Semplice ed intuitivo ai limiti della banalità, questo servizio sembra trasportare su digitale il concetto della polaroid (che ricorda anche nel formato quadrato delle foto che vengono caricate): inquadrare e scattare più per cogliere l’attimo che per costruzione.

Leggi il resto dell’articolo

Ridimensionare la partizione boot camp

016of365[NTR23]
by by ntr23

Della serie cose da evitare ma non ne posso fare a meno… A casa ho un iMac con una partizione Windows XP creata con Boot Camp. La partizione l’avevo lasciata appositamente piccolina, non avendo intenzione di usarlo più di tanto (se non per creare le schere R dal sito della FIP, ma tralasciamo l’orrore di questa storia…). Tuttavia mi è capitato sottomano un bel gioco a cui volevo rigiocare (in attesa di aggiustare l’xbox di mio fratello su cui sono salvate un centinaio di ore di gioco…) e che richiedeva più spazio di quanto ne avessi. Poca cosa, ho pensato, modifico le dimensioni delle partizioni ed il gioco è fatto. Leggi il resto dell’articolo

Wi-Fi libero finalmente in Italia?

wi-fi
by Palagret

Ebbene si, dopo anni di attesa forse potrebbe diventare normale anche in Italia collegarsi ad internet da un luogo pubblico. Sembra infatti che un tardivo partito trasversale abbia convinto Brunetta a chiedere a Maroni l’abolizione del terrificante (tecnologicamente parlando) articolo 7 della legge Pisanu, ovvero quell’articolo che costringeva chi voleva condividere una rete wi-fi a triplici salti mortali e costi non trascurabili. Già perchè dietro alla scusa dell’antiterrorismo non rimaneva che la assoluta incompetenza di una classe politica o forse la solita corsa al balzello più inutile a difesa degli interessi di pochi (si, proprio gli operatori).

Ma ora, a danni fatti (almeno 5 anni di ritardo rispetto al mondo internettizzato), il paladino della tecnologia Brunetta si dice fiducioso di portare a casa il risultato nel prossimo CdM. Speriamo che le sue date non siano come quelle di Berlusconi sul ministro allo sviluppo altrimenti ci toccherà aspettare l’anno prossimo…

In-competenza

Parlare della competenza dei notri parlamentari in certe materie, specie se in ambito tecnologico è come sparare sulla croce rossa. In particolare parlando di regolamentazione di internet e diritti d’autore abbiamo una sfilza di leggi o proposte di legge di una ignoranza pressochè totale, se non un livellamento sulle posizioni dei produttori di contenuti.

In particolare vorrei segnalare la svista della signora (ops, onorevole) Carlucci, la <a href=”http://www.mantellini.it/?p=6474″>quale</a&gt; ha presentato il testo di una proposta di legge per la regolamentazione di internet che appare scritto con il computer di un’altra persona, che guardacaso pare essere omonima del presidente dell’Unione Italiana Editoria audiovisivi. Le cose sono due: o c’ha una copia piratata (?!?) o quella legge l’ha scritta qualcun’altro. Ma magari gli hanno solo passato il template della legge Urbani….

Perl – funzione grep ed Array

Ho trovato un metodo veloce e molto bello a livello di codice per trovare se un elemento appartiene o meno ad un array. Putroppo non mi ricordo più la fonte (tanto che non mi ricordavo neppure come si faceva e me lo sono dovuto ricavare) percui ne approfitto per scriverlo qui perchè rimanga a perenne memoria (quantomeno per me 😉 ).

Ma andiamo con ordine. Normalmente, per trovare se un elemento appartiene ad un array bisognerebbe scandire tutto l’array e fare il confronto con i vari elementi dello stesso. Come secondo metodo invece si può utilizzare la funzione grep nella sua forma normale ( @uscita = grep(espressione, @array) ) per poi vedere se il vettore ritornato è vuoto o meno. La forma che ho trovato utilizza anch’essa la funzione di grep ma in modo più sofisticato:


if (  grep ( {$_ eq espressione} @array)) { print "L'elemento è presente"; }
else {print "L'elemento non è presente";}

In tal modo è possibile con una sola riga di codice ottenere lo stesso risultato. Notevole, vero?

xargs

No, non è una parolaccia. xargs è un comando dei sistemi Unix-like (si tratta di un comando shell) che si presta a notevoli applicazioni per risparmiare tempo e codice. In particolare questo comando permette di passare un notevole numero di argomenti ad un comando.
Il punto in cui è imbattibile poi è quando lavora in coppia con il comando find. Esempio:
find . -name '*.txt' | xargs tar cvf text.tar $1
Questa riga di codice ti permette di comprimere in un file tutti i file di testo contenuti da una certa directory in poi. Mica male per una riga scarsa, no?
Per chi non avesse capito quanto sopra significa:
find . -name '*.txt' trova tutti i file di testo (txt)
e ridirigi l’output del comando ( | ) sul comando xargs (il quale prende l’uscita e la posiziona nella variabile $1). A questo punto il comando di tar cvf text.tar $1 non fa che comprimere il tutto.

E’ il tipico comando che ti fa rimpiangere la console quando devi lavorare su windows. 😉