San Dorato

C’era una volta un tale di nome Francesco. Era ricco ed agiato e rifiutò tutto ciò restando fedele a tre voti: umiltà, povertà, castità. In un epoca in cui i papi non erano certo dei poveri santi fu fatto santo lui e da li è diventato patrono d’Italia.

Ora che tanti francescani hanno continuato il suo cammino e professato i tre voti, uno di loro verrà tumulato in una tomba di oro massiccio, con le immagini della vita di questi e di San Francesco disegnate nell’oro.

Bella coerenza!

Ma si sa, la chiesa di coerenza ne ha ben poca…

Annunci

One Response to San Dorato

  1. Mene says:

    Sono sconcertato anch’io, ma parlerei di clero più che di Chiesa.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: