Berlusconi-Mills: registrate!

Un consiglio: registrate l’intervento di Berlusconi in parlamento. Sarà un documento storico perchè, con tutta probabilità (visto ciò che il premier lascia intendere), dimostrerà al mondo che in Italia c’è qualcuno al di sopra della legge che vuole e può essere giudicato solo da se stesso. Ovviamente non so cosa dirà ma l’idea è quella di un parallelo neanche troppo paradossistico del celebre discorso di Mussolini al parlamento sull’omicidio Matteotti. Ovviamente il parallelo non è nell’argomento, ma nel merito politico e nella forma.

Staremo a vedere, ma io preparo il videoregistratore.

2 Responses to Berlusconi-Mills: registrate!

  1. VoxNova scrive:

    E che sarà mai! Si, insomma, con lui ci sono precedenti illustri! Per fare un esempio: D’Alema, Fassino e Di Pietro si sono avvalsi dell’immunità europea per alcune beghe legate ai fondi di partito e ciò nell’ultimo anno e non ci si ricorda del famosi “non ci sto!” di Scalfaro Oscar Luigi? (Gli esempi sono ben più numerosi)
    Insomma, il Berlusca sarà pure aldisopra della Legge, ma in buona compagnia.
    Tu, invece, tutto o.k.?
    Stammi bene e alla prossima.

  2. mikyjpeg scrive:

    C’è una piccola differenza. Quelle che tu citi sono le innumerevoli prese di beneficio di una casta, quella politica, immune a tanti problemi che invece colpiscono la gente normale. Quello che invece io mi aspetto è l’atto politico, perpetrato in parlamento. Come quello, appunto, di Mussolini o come quello tentato, ma fallito, di Craxi. C’è, a mio avviso, una differenza sostanziale tra il solito tramaccio perpetrato mediante l’uso di leggi e procedure ad-personam (peraltro giustamente condannabile) e la pubblica conversione dei tramacci in uso legalizzato e promulgato nella sede principale della repubblica.
    L’esempio è chiaro: l’omicidio Matteotti non è stato il primo omicidio perpetrato dal regime senza che i colpevoli venissero puniti, ma è stato il primo a diventare mezzo dello stato per controllare il consenso. Qui ovviamente i pesi sono notevolemente diversi ma la questione politica è la stessa.

    Qui tutto bene, il solito tran pieno di impegni.. ma per fortuna arriveranno le ferie!

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: