10-11-12: On the run

Dopo qualche problemino a raccattare un pc per connettersi eccoci di nuovo qui. Dove siamo rimasti? Texas! Il texas, per lo meno la parte che abbiamo attraversato (ovvero quella striscia di terra che sta sopra), e’ un’immensa pianura piatta e praticamente senza alberi e quelli che ci sono sono completamente piegati dal vento che tira. Qui dicono che non e’ sempre cosi’: ci sono uno o due giorni all’anno in cui non tira vento e tutto tace e tranquillo. Comunque quello che abbiamo potuto vedere sono state distese di erba, mucche al pascolo e pale eoliche (almeno lo sfruttano!). Abbiamo pranzato al Midpoint Cafe’ (il punto centrale della Route66) e poi abbiamo attraversato Armarillo, l’unica vera citta’ Texana sul percorso. In generale non molto. Di tanto in tanto spuntano qui e la’ alcune pompe per l’estrazione del petrolio, come ne abbiamo gia’ visto in Utah e come ne vedremo piu’ avanti in Oklahoma: sono delle piccole pompe disseminate un po’ ovunque (prati, fiumi, deserti…) diverse da quel che ci si puo’ immaginare. Pensate che alcune stanno nel giardino di qualche casa! Vicino ad Amarillo ci siamo fermati al Cadillac Ranch, un posto stranissimo dove in mezzo ad un campo sono piantate una decina di Cadillac che i passanti colorano con le bombolette spray. La Lisa ha lasciato il segno. Ripeto, la Lisa ha lasciato il segno. (la teppista)

Passato il Texas ci siamo gettati sull’Oklahoma: il panorama e’ piuttosto diverso, la pianura cede spazio alle colline e di alberi ce ne sono parecchi. Continuano ad esserci mucche, sempre di piu’ e di tutti i tipi (compresi i longhorn, delle mucche con delle corna il doppio del normale, che pare siano state importate dagli spagnoli). Ad Oklahoma City abbiamo visitato il museo nazionale dei Cowboy: decisamente carino, piuttosto grande e pieno di reperti (e pure una cittadina western ricostruita). C’e’ anche una sezione dedicata al cinema western dove ho notato con rammarrico la mancanza di qualsiasi accenno agli spaghetti-wester e a Sergio Leone, se non per una piccola citazione nel curriculum di Clint Eastwood (“la popolarita’ gli e’ arrivata dopo aver fatto alcuni film italian-made“). Anche nella monument valley non c’era accenno a C’era una volta il west, mentre erano presenti locandine di Per un pugno di dollari. Sempre ad Oklahoma City ci siamo fermati a mangiare in un posto pazzesco, un localino di 30 e passa anni pieno di cimeli di ogni tipo. Abbiamo anche firmato un mattone, cosi’ chi passera’ di li dopo di noi ci potra’ trovare!

Passato l’Oklahoma siamo entrati in Missouri, passando per il Kansas (anche se solo per 13 miglia): il clima e’ cambiato, fa caldo ma e’ molto piu’ umido e tutto e’ coperto da una fitta vegetazione. Permangono i pascoli con le mucche, in pratica l’unico campo coltivato l’abbiamo trovato in Kansas (granoturco). Qui in Missouri abbiamo avuto qualche problemino con la strada: sembra che sia veramente poco segnalata rispetto agli altri stati, specialmente se percorsa al contrario come facciamo noi! Comunque ormai siamo agli sgoccioli, siamo a meno di 100 miglia da St. Louis e domani sera dovremmo arrivare gia’ a portata di Chicago.

Ad ogni modo stiamo bene, mangiamo un po’ strano (stamattina mi sono fatto per colazione-pranzo una omelette con peperoncini e chili…), Lisa e’ coperta di chiazze rosse (sembra che sia allergica a qualcosa, stiamo facendo degli esperimenti per capire a cosa), dormiamo nei piu’ malfamati motel della Route😉 ed ultimamente facciamo parecchia strada (dopo le lunghe visite ai parchi dell’Arizona)

4 Responses to 10-11-12: On the run

  1. Pingback: 10-11-12: On the run ·

  2. lisa scrive:

    Non sono piu’ ricoperta..in realta’ non lo sono mai stata, ho solo qualche strano puntino. Spero solo non siano le noccioline!
    Cmq vorrei precisare che
    a. Miky ha pestato una lucertola (viva) in un negozio (ora non e’ piu’ viva)
    b. sono stata costretta a spruzzare anch’io della vernice su una delle auto di cadillach ranch, ovviamente da Miky che doveva fare una foto. Arte per arte. (Arte?boh). Cmq la guida dice: se trovi una bomboletta, puoi anche tu contribuire all’opera.
    c. Mi piace l’Oklahoma!

  3. mamma di Lisa scrive:

    Ciao ragazzi.
    Ricordo di aver visto in tv un servizio sul Cadillac Ranch, poi il giorno del matrimonio ero proprio al tavolo “Amarillo” con la foto di quelle auto piantate nel terreno….Domanda: avete incontrato quel tipo stranissimo che in tv mostravano essere lì nei paraggi per vendere bombolette ai turisti?

    Ciao e buon divertimento!!

  4. alice scrive:

    Alice Gallio
    via G Verdi 16
    36023 Longare VI

    Grazie per i giornali!!!
    Baci baci

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: