4 – On the road

Dopo i fasti di Las Vegas ci dirigiamo a prendere l’auto. Il nostro taxi pero’ si dimostra poco accorto e dopo averci ripetuto che non ci sono auto noleggi sullo strip accondiscende a fatica a portarci all’Imperial Palace, dove sapevamo esserci un concessionario Hertz. Non si trattava del nostro (poi abbiamo scoperto esserci concessionari Hertz in quasi tutti i casino’ dello strip..) ma ci danno comunque l’auto. Ci dicono che quella che volevamo non ce l’anno e che ci daranno una macchina migliore. Ci troviamo invece davanti ad una toyota corolla nettamente inferiore alla alveo che avevamo nel nostro precedente viaggio: niente aux, niente chiusura centralizzata e niente finistrini elettrici… ad ogni modo ci dirigiamo verso la prima meta del nostro viaggio: uno dei tanti outlet di las vegas. Li si compie il miracolo: io acquisto due jeans (levis a 60$!) ed un paio di scarpe e la lisa invece…niente! Finito lo shopping si parte e ripercorriamo al contrario una strada fatta l’altra volta: da Las Vegas a Kingman. Da li prendiamo finalmente la route 66 e siamo sulla strada. Pero’ ormai e’ sera e ci fermiamo nel piu’ tipico dei luoghi legati a questa strada: Seligman, dove e’ nata l’associazione che ha ridato smalto alla Route66. Ceniamo al mitico Roadkill dove per poco una porzione di Buffalo Wings non mi uccide dal piccante (e questo la dice lunga) e poi troviamo un motel proprio qui, nel cuore della route66 da cui ora sto scrivendo (dal laptop del figlio dei proprietari…gentilmente prestatoci lasciando il proprietario ignaro del tutto)…

I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: