Governo che cambia incompetenza che rimane

Quanto siamo messi male. Siamo in mano a vecchi. A gente che non vede aldilà del proprio naso. Che pensa al futuro quando non lo vedranno neanche. Gente che si professa competente e che invece non capisce nulla di nulla. Si è partiti con i superignoranti (in quanto “ingorano” quello di cui legiferano sia ben chiaro!) Stanca ed Urbani e si è finiti al superignorante Gentiloni. Destra o Sinistra pari sono. In un paese che si trova indietro anni luce nell’utilizzo di internet per colpa di infrastutture, legislature, monopoli e paletti vari, ci si può permettere di buttare giù una legge dopo l’altra di una inadeguatezza esasperante.

Dopo l’indecente legge Urbani (secondo la quale siamo tutti delinquenti, sia io che scrivo che voi che leggete), dopo le ridicole mosse di Stanca sull’innovazione (e il fantastico libretto per insegnare ad usare internet) ecco qui, a governo variato, all’ennesimo colpo gobbo: la legge LEVI secondo la quale

qualsiasi attività web dovrà registrarsi al ROC, ossia al Registro degli operatori di Comunicazione, se il disegno di legge si tradurrà in una norma a tutti gli effetti. Registrazione che porta con sé spese, burocrazia, procedure.

Subito la protesta dilaga nella rete e le risposte sono state nell’ordine “Non so” “bah” boh” “non ci si riferisce ai ragazzi che scrivono i blog” (vedi lettera a Grilllo). Sembra una barzelletta ma è proprio così:

Quando prevediamo l’obbligo della registrazione non pensiamo alla ragazzo o al ragazzo che realizzano un proprio sito o un proprio blog. Pensiamo, invece, a chi, con la carta stampata ma, certo, anche con internet, pubblica un vero e proprio prodotto editoriale e diventa, così un autentico operatore del mercato dell’editoria.

Loro PENSANO. E allora, una buona volta, quando scrivete una legge LEGGETE quel che scrivete! Perchè a quanto pare ciò che è scritto in questa proposta di legge è che se non si paga il pizzo si finisce in GALERA. Come per lo scarico di un qualsiasi documento non registrato presso chissa quale ufficio “urbanizzato”. Altro che internet, andiamo a stuprare qualcuno o scalare banche, tanto ce la si cava con molto meno.

Disgustorama.

One Response to Governo che cambia incompetenza che rimane

  1. lisa scrive:

    Probabilmente se ci fossero meno vecchi qualcuno ne capirebbe qualcosa e non farebbero leggi tanto assurde sul non utilizzo di internet…ma questa gente non ha figli o nipoti che possano mostrargli come si usa?
    Tra l’altro una legge del genere suppongo sarebbe la morte di wikipedia.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: