Sul lavoro.

Che dire. Per ora non so ancora dare un giudizio. Non so se mi piaccia o meno, non so se mi trovo bene o meno, non so. Ovviamente ho solo fatto la prima settimana (anzi, di contratto ho fatto solo 2 giorni, quindi…) e dunque è normale. Però qualche cosa posso dirla: tutta la gente con cui lavoro è giovane, simpatica e cordiale. Gli orari di lavoro non esistono ma i miei colleghi sembrano degli stacanovisti: la prima sera siamo usciti alle nove, la seconda me ne sono andato alle sei perchè avevo finito di leggere la documentazione che dovevo e non c’era il capo progetto a dirmi cos’altro dovevo fare, terzo giorno alle sette, quarto alle otto e mezza, quinto alle quattro e mezza (per pigliare un treno decente). In pratica si sta li finchè si riesce a mantenere acceso il cervello. In realtà esiste un programma di lavoro, ma sembra siano tutti in ritardo (anche perchè sembra che stiano facendo in tre mesi il lavoro di sei..) e dunque stanno a lavorare. Chi ci sta attorno (i bancari) invece no, alle 5-6 comincia la grande fuga e rimangono in cinque-sei su una trentina di persone. In realtà la cosa non pesa più di tanto perchè la sera non ho molto da fare. Dormo al B&B il Fiore, un posto carino e tranquillo, con bagno-tv-frigo in camera e macchinadelcaffè-frigo-microonde in corridoio.

Per quanto riguarda il lavoro vero e proprio esso consiste nel mappare i processi aziendali. In pratica ogni prodotto, servizio e quant’altro offerto dalla banca consiste in una serie di operazioni svolte. Il nostro compito è quello di leggere la documentazione di ogni processo e schematizzarlo in un diagramma a blocchi in un software-database chiamato ARIS. Molto poco ingegneristico se volete il mio parere. Con le telecomunicazioni poi… però la definizione dei flussi qualcosa può centrare. In realtà sarebbe un lavoro da economisti o gestionali…però preferiscono ingegneri. Questo fa pensare al livello di considerazione che si ha della istruzione italiana.

Vedremo.. intanto mi godo il weekend a casa (o quasi, tra partite e cresima del cugino di Lisa..)

Advertisements

2 Responses to Sul lavoro.

  1. kefflash says:

    non abituarli troppo bene con gli straordinari, soprattutto nel caso non fossero pagati (ed è il mio). anche io lavoro in ambito bancario come analista sviluppatore java di web app intranet. detto così sembra fiko ma non lo è… il fatto che ci sia bella gente ha enormi lati sconvenienti, non ultimo il fatto che la bellezza spesso nasconda l’incompetenza 😀
    …e buon lavoro!!

  2. mikyjpeg says:

    Direi che ho notato anch’io questa cosa. Comunque forse come sviluppatore java mi divertirei di più essendo un ingegnere… Per gli straordinari (non pagati) mi sto limitando, generalmente ad una certa ora (le sette circa) me ne vado.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: